Presbiterio

Domenica 25 Settembre

Dal Vangelo secondo Luca 

In quel tempo, Gesù disse ai farisei: 
«C’era un uomo ricco, che indossava vestiti di porpora e di lino finissimo, e ogni giorno si dava a lauti banchetti. Un povero, di nome Lazzaro, stava alla sua porta, coperto di piaghe, bramoso di sfamarsi con quello che cadeva dalla tavola del ricco; ma erano i cani che venivano a leccare le sue piaghe. 
Un giorno il povero morì e fu portato dagli angeli accanto ad Abramo. Morì anche il ricco e fu sepolto. Stando negli inferi fra i tormenti, alzò gli occhi e vide di lontano Abramo, e Lazzaro accanto a lui. Allora gridando disse: “Padre Abramo, abbi pietà di me e manda Lazzaro a intingere nell’acqua la punta del dito e a bagnarmi la lingua, perché soffro terribilmente in questa fiamma”. 
Ma Abramo rispose: “Figlio, ricòrdati che, nella vita, tu hai ricevuto i tuoi beni, e Lazzaro i suoi mali; ma ora in questo modo lui è consolato, tu invece sei in mezzo ai tormenti. Per di più, tra noi e voi è stato fissato un grande abisso: coloro che di qui vogliono passare da voi, non possono, né di lì possono giungere fino a noi”. 
E quello replicò: “Allora, padre, ti prego di mandare Lazzaro a casa di mio padre, perché ho cinque fratelli. Li ammonisca severamente, perché non vengano anch’essi in questo luogo di tormento”. Ma Abramo rispose: “Hanno Mosè e i Profeti; ascoltino loro”. E lui replicò: “No, padre Abramo, ma se dai morti qualcuno andrà da loro, si convertiranno”. Abramo rispose: “Se non ascoltano Mosè e i Profeti, non saranno persuasi neanche se uno risorgesse dai morti”».

Ascolta il Vangelo e l'Omelia

StampaEmail

Operatori in ritiro per il nuovo anno pastorale

In prossimità dell’inizio del nuovo anno pastorale, che avverrà Domenica 2 Ottobre con la benedizione e la consegna dei mandati agli operatori pastorali durante la Santa Messa delle ore 11:00. La comunità,  domenica 25 settembre, ha partecipato al ritiro spirituale parrocchiale,  per pregare, lodare, meditare ed adorare il Signore, per accrescere e rafforzarsi nella fede e custodire nel cuore la Parola di speranza per poterla vivere con coerenza ogni giorno e testimoniarla da veri discepoli di Cristo. Il ritiro è stato guidato dal nostro parroco Don Vincenzo Catalano e dal nostro diacono don Mario Dal Grande, relatore della meditazione sul tema del perdono.

Si ringraziano, per la gentile accoglienza e ospitalità ricevuta, le suore dell’istituto San Francesco D’Assisi.

Guarda la galleria fotografica (premi Leggi tutto)

Leggi tutto

StampaEmail

Festeggiamenti in onore di Maria Santissima del Rosario di Pompei - Festa civile

Sai ballare, cantare, imitare un personaggio famoso, recitare poesie, fare sketch divertenti o suonare uno strumento musicale…
Allora sei invitato a partecipare alla “CORRIDA: DILETTANTI ALLO SBARAGLIO” che si terrà Sabato 15 Ottobre 2016 ore 20,30 nella piazzetta Cruillas, sotto l’arco, in occasione del 120° anno dei festeggiamenti in onore di Maria SS. di Pompei.
Per info e iscrizioni contattare Rosi Fasone, Gabriella Caruso, Fabrizio Giuffrè e recarsi presso la “casa del confrate”, via Cruillas 130, Giovedì 29 Settembre dalle ore 21,00 alle ore 22,00 e Sabato 1 Ottobre dalle ore 10,00 alle ore 12,00.

Leggi tutto

StampaEmail

Si riparte con il Catechismo

Il gruppo dei catechisti cura la formazione cristiana dei bambini, ragazzi, giovani e adulti a partire dalla seconda elementare infatti gli itinerari sono:

-       Precatechismo    (seconda elementare)
-       Prima confessione (terza elementare)
-       Prima Eucaristia    (quarta elementare)
-       Post-comunione    (quinta elementare
-       Corso Cresima Ragazzi   (prime e seconda media)
-       Formazione giovanissimi (dai 13 ai 15/16 anni)
-       Formazione giovani (dai 17/18 ai 24 ed oltre)
-       Corso Cresima  Adulti 

Alla conclusione di ogni itinerario (tranne nel precatechismo e nei corsi di formazione giovani e giovanissimi) ogni bambino/ragazzo o adulto (per i  corsi di cresima) riceve un sacramento dell’iniziazione cristiana.
Il nostro compito non mira, però, solo a far ricevere in maniera consapevole i sacramenti, ma  renderli veri discepoli vivendo da cristiani autentici.
Quindi il cammino  dei bambini non si ferma al momento che ricevono la prima eucaristia, ma continua con l’itinerario del post-comunione che li porta a ricevere la cresima e poi vengono inseriti in itinerari di  formazione permanente. Questo grazie all’aiuto e al supporto dei genitori,  con i quali si instaura subito un rapporto gioioso e fraterno perché si sentano, insieme ai loro figli,  accolti dalla comunità. Vengono coinvolti in diverse attività svolte  dai ragazzi e in momenti di riflessione spirituale come i ritiri  nei tempi liturgici forti come avvento e quaresima ed altre iniziative che hanno anche lo scopo di riavvicinarli ad una vita di fede più coerente.
Nei corsi di cresima adulti si cerca di far riscoprire la propria identità cristiana dataci dal battesimo e l’essere pietre vive della Chiesa di Cristo mettendo a disposizione della comunità i  doni che possediamo per essere come gli apostoli annunciatori e testimoni del suo vangelo.

Il gruppo catechisti è formato da: Maria Stella Anello, Angela Blandi, Rosy Crisci, Rosanna Davì, Maria Rosa Di carlo, Carmela Fasone, Angela Lo Porto, Giulia Lucchese, Patrizia Lupo, Giuseppe Matera, Anna Mazzola, Patrizia Pillitteri, Cecilia Scimone, Giusy Selvaggio, Suor Santos, Piera Zeami.
Aiuto Catechiste: Emanuela Medico, Sara Siino
La formazione per i genitori e i padrini al battesimo è curata dal nostro diacono Don Mario Dal Grande.
Di Carlo Maria Rosa e Giuseppe Matera sono i coordinatori del corso prematrimoniale.

Buon anno di catechismo a tutti!

StampaEmail

Ecco come sarà la nostra "Lotteria"

In occasione della Festa Patronale che coinvolgera tutto il quartiere di Cruillas il comitato festa in accordo con il nostro parroco e con tutte le autorizzazioni di legge ottenute ha indetto una lotteria a premi (davvero interessanti) con l'estrazione che si effettuerà giorno 15 ottobre e con il costo del biglieto di euro 2,50. In allegato troverete il regolamento completo.

Scarica il regolamento

StampaEmail

La Caritas riprende il cammino

Il 13 settembre incontremo i nostri cari assistiti dopo aver fatto una pausa estiva di circa un mese..anche se alcuni interventi urgenti sono avvenuti. Sono cari perche' veramente il contatto con loro e le loro situazioni spesso disastrose, creano un rapporto stretto ed affettivo. Loro per noi rappresentano il volto di Cristo che continuamente viene a visitarci ma soprattutto a donarsi. La nostra gioia nasce quindi nel donarci a loro cercando di mettere in pratica le 7 opere di misericordia sia spirituale che corporali. Il nostro servizio non si basa al semplice sacchetto della spesa, ma nell' accoglienza, nell' ascolto, nel dialogo e nella condivisione della sofferenza sia fisica che morale. E' un continuo accompagnare e servire l'altro nella totale gratuita'. Riscontriamo nella loro inconsapevlezza la ricerca del Sommo Bene. Il giorno della distribuzione che avviene ogni 15 gg  iniziamo a recitare la preghiera del rosario dove ognuno di loro recita un Ave Maria con le loro intenzioni...segue una catechesi e infine viene distribuito il sacchetto spesso con dentro un messalino contenente cosi' la Parola di Dio. Giorno 21 sett sara' celebrato il quarto matrimonio, da quando noi gruppo Caritas abbiamo iniziato il nostro servizio. Si tratta di  coppie che dopo lunghe convivenze anche con figli adulti, hanno deciso di celebrare il sacramento del matrimonio, cosi' anche per i figli, i sacramenti di iniziazione cristiana battesimo, comunione e cresima. Inoltre il nostro accompagnamento si basa anche sulle visite specialistiche, richieste di documenti ecc ecc.. C'e' un centro di ascolto e inoltre andiamo nelle loro case a pregare con il resto delle loro famiglie, e se e' il caso li assistiamo a casa specie se sono malati, per le pulizie o per confortarli e trasmettere loro la Speranza che e' Gesu' Cristo.  Cara comunità ci sarebbe tanto ancora da dire ma vi abbiamo voluto riassumere quello che in effetti, con tanto amore e pazienza soprattutto,  noi facciamo per loro che sono i fratelli maggiori e che questo non e' sempre facile ma la nostra intenzione e' di andare avanti  insieme con la nostra' comunita', verso i lontani e gli ammalati a cui comunque si porta Gesu'. Rosanna

StampaEmail

"Acchianata" dalla Santuzza.

Cara Comunità, questo 10 Settembre, insieme ad un gruppo di fratelli e a don Salvatore della parrocchia di Mater Dei, ci siamo recati in pellegrinaggio, al Santuario della nostra Santuzza, sul Monte Pellegrino, facendo l’acchianata a piedi come da tradizione.

Partendo alle prime luci dell’alba dalle falde del Monte, dopo il lungo cammino, siamo giunti al luogo del ritrovamento delle Reliquie della Santa, e dopo averle dato il nostro saluto, affidato le nostre preghiere e le nostre speranze, abbiamo infine partecipato alla santa Messa presieduta da padre Salvatore e un suo confratello di un’altra parrocchia; per poi lasciare, un po’ affaticati, quel sacro luogo, da dove la nostra cara Santa Rosalia, ci custodisce e intercede per noi.

Leggi tutto

StampaEmail

Altri articoli...

  • 1
  • 2

Alla Regina del Rosario di Pompei

O Maria, Regina del santo Rosario, onore del popolo di Cruillas in mezzo al quale hai stabilito il tuo Santuario, piccola Pompei nella città di Palermo, rallegrati! O Trono di Grazia e di Misericordia sul quale siede re il Salvatore del mondo, inginocchiati anche noi ai tuoi piedi con san Domenico e santa Caterina a te rivolgiamo i nostri occhi. Il tuo dolce sguardo proteso verso di noi, espressione tangibile della tenerezza di Dio che si china sulla terra per ascoltare le preghiere e i gemiti dell’umanità sofferente, ci dà la certezza di non essere respinti! Le corone del rosario che pendono dalle tue mani e da quelle del tuo divin Figlio sono segni inequivocabili che ci invitano a sperimentare la potenza della preghiera del cuore, ci spingono a coltivare la comunione ecclesiale e ci consegnano l’urgenza di un mandato missionario che muova le nostre comunità cristiane ad uscire da sé stesse con la stessa ansia con cui tu lasciasti Nazareth per “raggiungere in fretta una città di Giuda”. Numerose sono le “città” dell’uomo che attendono la nostra visita. Perciò, con le parole di un canto, quasi volendo interpretare il messaggio del tuo gesto, così rispondiamo al tuo desiderio di Madre premurosa e sollecita: “La tua corona di rose vogliamo essere noi, una corona di figli tutti tuoi! La tua presenza nel mondo si compia attraverso di noi come un canto di lode senza fine!”.O Rosario benedetto di Maria, catena dolce che ci rannodi a Dio, ottienici dal tuo Gesù il dono dell’unità e della pace. Annodati gli uni agli altri come un'unica catena, vogliamo diffondere dappertutto il profumo della comunione fraterna. E sapendo che il camminare insieme è la nostra forza, vogliamo essere “la rete” della parabola evangelica con la quale Gesù ci chiama a diventare “pescatori di uomini” ma anche a catturare il male del mondo che intralcia l’avvento del Regno di Dio. O Regina del Rosario di Pompei, o Madre nostra cara, o Rifugio dei peccatori, o Sovrana consolatrice dei mesti, sii ovunque benedetta, oggi e sempre, in terra e in cielo. Amen.

A chi i cuori? A Maria! Un solo grido: Viva Maria! Con approvazione ecclesiastica

La Dedicazione delle Mura

Riapertura del Santuario

Don Vincenzo nostro Parroco

Una Grande Retata d'Amore

L'utilizzo dei cookie su questo sito serve a migliorare l'esperienza di navigazione. Leggi la policy su Cookies