Presbiterio

Consiglio Pastorale

Il Consiglio pastorale parrocchiale (Cpp) è l’organo consultivo (can. 536 § 2) e propositivo, - fondato sul principio teologico della partecipazione del popolo di Dio al piano di salvezza e sul can. 536 § 1 del Codice di Diritto Canonico - che, in spirito di servizio e di corresponsabilità e in comunione con la Chiesa locale presieduta dal vescovo, promuove e coordina l’azione pastorale della comunità parrocchiale sotto la guida ministeriale del parroco. Il Cpp è, di fatto, costituito dal parroco, eventualmente dal vicario parrocchiale e dai diaconi, dai rappresentanti di eventuali comunità religiose maschili e femminili residenti nello stesso territorio parrocchiale e da un numero di laici idonei “che si distinguono per scienza adeguata, per prudenza e per onestà” (can. 228 § 2), capaci di ascolto, di dialogo, di conoscenza concreta dei bisogni della parrocchia e disponibili, altresì, all’impegno apostolico, in forza della loro partecipazione, mediante il battesimo e la confermazione, alla missione della Chiesa (cfr. can. 225 § 1)

Azione Cattolica

L’Azione Cattolica è un’associazione ecclesiale che Nasce e si sviluppa come consapevole corresponsabilità nella chiesa e come impegno missionario. Per assumere questa consapevolezza si seguono percorsi di formazione che hanno come caratteristica: l’attenzione alla persona e alla sua Crescita Cristiana. In questi percorsi si riflette quello che è il Carisma dell’Azione Cattolica, cioè rispondere alla Chiamata Cristiana che è vivere da laici radicati “semplicemente “ nel Battesimo. Questo è il cuore del Carisma. Vivere il Cuore, significa comprendere e vivere la Parola, l’Eucarestia, la Vita Sacramentale, la Preghiera e la Comunione, ossia l’ecclesialità. Questo è l’essenziale per vivere oggi da discepoli e mirare alla Santità. Quindi l’Azione Cattolica vive il proprio impegno nella semplicità della vita di ogni giorno; vive la vita Cristiana incarnata e legata a quelle esperienze che costituscono il tessuto naturale di un cammino cristiano: la famiglia, il lavoro, le relazioni interpersonali, e sociali. Fare incontrare il Vangelo con la Vita:” questa è l’avventura” che Giovanni Paolo II ha indicato all’Azione Cattolica nell’assemblea straordinaria del Settembre 2003 a Loreto dando quattro consegne: Contemplazione, Comunione, Missione, Ecclesialità. Laicità è, infatti, tenere insieme Santità e Secolarità; essere di Dio ed essere PER il mondo. Da questa sintesi nasce la ricchezza della vocazione laicale che può far nascere nel mondo i semi del Regno. Questo significa, anche, essere dedicati in modo stabile alla missione della Chiesa. In Azione Cattolica, si vive PER e NELLA Chiesa. Nell’Azione Cattolica si sperimenta la concretezza di una chiesa locale e di una Parrocchia da amare, da accogliere e sostenere, sperando le situazioni di conflitto con Amore e Pazienza, tracciando percorsi di Comunione con le persone con cui si ha familiarità quotidiana, camminando nell’unità.

Possiamo dire che l’Azione Cattolica è Tirocinio di Vita Ecclesiale. L’Associazione segue cammini di formazione diversificati secondo le età, secondo le professioni, secondo gli impegni sociali, unendo sempre formazione, preghiera ed azione.

Nella nostra parrocchia Maria S.S. del Rosario di Pompei esiste soltanto il gruppo adulti che si riunisce ogni lunedì dalle ore 15,45 alle ore 17 e poi comunitariamente si partecipa alla Celebrazione Eucaristica.

Confraternita

La Confraternita ha come suo precipuo scopo quello di incrementare la devozione verso la S.S. Vergine del Rosario attraverso la divulgazione della recita nelle famiglie del Santo Rosario proponendosi quale autentica testimonianza cristiana nella attuale società. Essa fu stata fondata il 12 Marzo 1900 e ha sede presso il Santuario omonimo a Cruillas. Negli anni cinquanta la sua attività conobbe una fase di transitoria stasi, ma nel 1991 con decreto dell’allora Cardinale Arcivescovo Salvatore Pappalardo è stata ricostituita. Attualmente conta circa 80 confrati, fra uomini e donne. Possono iscriversi alla confraternita coloro che abbiano compiuto il quindicesimo anno di età, siano di buoni costumi e osservanti dei doveri religiosi e presentino domanda.

Il Rito per il Possesso dei Gestori della Confraternita

Si è svolto domenica alle ore 9,30 presso la nostra parrocchia il rito per il possesso dei gestori. Dopo l'omelia il sacerdote invita i nuovi gestori all'altare ad iniziare del Superiore neo-eletta  Giuseppa Miceli alla quale, dopo aver accettato l'incarico, le viene consegnato il Crocifisso affinché con la sua grazia possa realizzare i suoi fini, a gloria di Dio e per il maggior bene spirituale di tutti i Confrati; segue poi il 1° Congiunto Giuseppe Matera al quale viene consegnato il libro dello Statuto affinché coadiuva con l'aiuto di Dio, il Superiore nel governo della Confraternita e sia con l'esempio guida per i Confratelli, al 2° Congiunto Franca Basso viene consegnata la campana ed anche lei si impegna a coadiuvare il Superiore nel governo della Confraternita ed essere l'esempio giuda dei Confrati; si conclude infine con il giuramento del Cassiere Paolo Messina il quale accetta l'incarico e promette con la grazia di Dio di servire i Confratelli nell'esatta e scrupolosa amministrazione dei beni della Confraternita stessa. 

Altri membri del Consiglio della Confraternita sono: 

Fabrizio Giuffrè - Segretario
Luigia La Fiura - Maestra dei Novizi
Giusi Siino - Prefetto di Sacrestia
Gabriella Caruso - Consigliere
Valentina Cordaro - Consigliere
Cecilia Scimone - Consigliere
Rosi Fasone - Consigliere
Ignazio Culella - Consigliere
Ino Martorana - Consigliere

Stampa Email

Carità

"La Carità. E’ la nota distintiva dei cristiani, come disse lo stesso Gesù: “Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli, se avrete amore gli uni per gli altri” (Gv 13, 35). E prima di essere sentimento, affetto, elemosina, solidarietà, la carità è un esodo, è un “uscire da sé per andare verso l’altro”. Benedetto XVI nella sua prima enciclica così scrive: “L’amore è «estasi», ma estasi non nel senso di un momento di ebbrezza, ma estasi come cammino, come esodo permanente dall’io chiuso in se stesso verso la sua liberazione nel dono di sé…”. Prima di cominciare a fare qualche cosa per gli altri, dobbiamo uscire da noi stessi, impegnandoci ogni giorno, con la Grazia di Dio che riceviamo nei Sacramenti e che imploriamo attraverso la preghiera, a debellare il nostro egoismo. E prima ancora di “andare verso l’altro” con la a minuscola, dobbiamo andare verso l’Altro, il Primo e l’Ultimo, il Principio e il Fine di tutto il nostro essere e il nostro operare" (Dalla lettera pastorale "Ecclesia et Domus Ecclesiae"). "Prima di programmare iniziative concrete occorre promuovere una spiritualità della comunione, facendola emergere come principio educativo in tutti i luoghi dove si plasma l’uomo e il cristiano, dove si educano i ministri dell’altare, i consacrati, gli operatori pastorali, dove si costruiscono le famiglie e le comunità. Spiritualità della comunione significa innanzitutto sguardo del cuore portato sul mistero della Trinità che abita in noi, e la cui luce va colta anche sul volto dei fratelli che ci stanno accanto. Spiritualità della comunione significa inoltre capacità di sentire il fratello di fede nell’unità profonda del Corpo mistico, dunque, come «uno che mi appartiene», per saper condividere le sue gioie e le sue sofferenze, per intuire i suoi desideri e prendersi cura dei suoi bisogni, per offrirgli una vera e propria amicizia. Spiritualità della comunione è pure capacità di vedere innanzitutto ciò che di positivo c’è nell’altro, per accoglierlo e valorizzarlo come dono di Dio: un «dono per me», oltre che per il fratello che lo ha direttamente ricevuto. Spiritualità della comunione è infine saper «fare spazio» al fratello, «portando i pesi gli uni degli altri» (Gal 6, 2) e respingendo le tentazioni egoistiche che continuamente ci insidiano e generano competizione, carrierismo, diffidenza, gelosie. Non ci facciamo illusioni: senza questo cammino spirituale, a ben poco servirebbero gli strumenti esteriori della comunione. Diventerebbero apparati senz’anima, maschere di comunione più che sue vie di espressione e di crescita" (Dalla Esortazione post giubilare "Novo millennio ineunte", n. 43 di G. Paolo II)

madreteresa

Stampa Email

  • 1
  • 2

L'utilizzo dei cookie su questo sito serve a migliorare l'esperienza di navigazione. Leggi la policy su Cookies